CATENA FIORELLO GALEANO – “CINQUE DONNE E UN ARANCINO’”

Buon pomeriggio e buon giovedì carissimi lettori 😍 come state? ♥ Una specialità della cucina siciliana e un buon libro, cosa chiedere di più per trascorrere delle piacevolissime ore nel pomeriggio 😍 Il romanzo che sto per proporvi è “Cinque donne e un arancino” di Catena Fiorello ora Catena Fiorello Galeano, in omaggio al cognome della madre. Ringrazio la Giunti 📚 per il prosieguo della collaborazione e per la copia omaggio conferitami ♥


.
“… Il tempo che fa tutto da solo, ti segue, ti avvolge e ti fa compagnia, ma poi burlone com’è
sparisce dietro un muro e si confonde con quello che hai vissuto. Tocca tenerli nel cuore certi
momenti felici, per ridargli vita quando ti passano davanti”.
“… una domenica mattina si ritrovarono intorno a un cucciolo di riso fritto perfetto, il ventesimo tirato su dall’olio bollente, protesero il collo, sbarrarono gli occhi e spalancarono le bocche, formando delle O giganti. L’arancino migliore era appena venuto al mondo. Il prototipo da prendere ad esempio. Dorato, compatto, con i chicchi asciutti, e profumava di bontà”.
.
.


📒La scrittrice intrattiene il lettore con la storia di cinque donne, che vogliono tornare nella propria integrità fisica e morale, senza badare alle conseguenze, proprio come ha fatto la stessa Catena Fiorello partendo dai ricordi di famiglia, dalla necessità di cortesia, dall’ambiguità e dal temperamento di certi ambienti che contaminano la libertà, affrontando il mondo a testa alta e a spada tratta, non temendo di perdere il prestigio, i privilegi, la posizione sociale e la propria reputazione. Ci sono donne capaci di essere di grande ispirazione per le altre, è il caso delle protagoniste del romanzo di Catena Fiorello, ognuna con le sue particolarità e con i suoi suggerimenti di vita, ma tutte accomunate da un non farsi “addomesticare”, figure femminili: forti, volitive e determinate. Ognuna col proprio dramma familiare, col proprio grido d’accusa contro l’ottusità e la crudeltà della gente, contro le regole insensate, che spesso non abbiamo la forza di cambiare.

Cinque donne dalle inclinazioni naturali differenti, cinque donne dall’età differente, cinque donne caratterialmente differenti, ma accomunate da un unico progetto di vita: l’apertura di una rosticceria in un piccolo paese Monte Pepe, riappropriarsi della propria vita, questo l’obiettivo delle stesse, con quella voglia di riuscire a farcela in totale autonomia, non curandosi del giudizio altrui e delle forzature imposte dalla società, combattendo pur di realizzare il loro sogno. A rimarcare la necessità del rendere giustizia, l’uso del dialetto siciliano, utilizzato dalla scrittrice, con quella voglia di rompere il silenzio, i vecchi stereotipi e le ingiustizie di cui i più deboli sono vittime. Catena Fiorello nel suo romanzo sviluppa una sensibilità acuta, spinge il lettore alla riflessione sulla condizione umana, specie su quella femminile, conduce le sue protagoniste: Rosa vedova e forte del suo passato di cuoca, le gemelle Maria e Nunziatina appassionate di cucina dell’antica tradizione, la bellissima Sarina giovane in cerca della sua vocazione e Giuseppa vedova con qualche anno in più, a compiere i gesti di ogni donna: gioie, malumori e speranze. La scrittrice con il suo romanzo si concede un’occasione per elaborare in maniera sistematica le sue molte riflessioni su l’universo femminile e con creatività letteraria realizza questo straordinario romanzo, vero e proprio manifesto sulla condizione femminile, dalle origini ai giorni nostri, ripercorre il rapporto donna famiglia-società attraverso la doppia lente del rigore storico e della passione per l’indipendenza. Come poteva una donna, si chiede la scrittrice di origini siciliane, pretendere un’indipendenza se non possedeva denaro? Si snoda così un percorso attraverso il lato debole di ogni protagonista, seguendo la simbolica giornata di ognuna, si fa lucida e asciutta la riflessione sulla condizione femminile e sull’esigenza di voler occuparsi di un’attività commerciale a gestione femminile. Catena Fiorello racconta la Sicilia della fine degli anni ‘60, in particolare le piccole realtà paesane, con le loro regole, i loro divieti, la loro lingua, il loro equilibrio e giunge fino ai giorni nostri, paragona la realtà siciliana ai quartieri milanesi, sottolineando le caratteristiche del tutto simili: cattiveria, gelosia, invidia, elementi presenti in un paese specchio dell’anima di una grande città, camuffati da un linguaggio forbito ed elegante, contrappone a tutto ciò la capacità da parte di alcuni individui di perdonare, di porsi con comprensione e di voler ricominciare dalle proprie origini, con maggiore consapevolezza e maturità. Le protagoniste, coerenti con se stesse, riescono a conservare con coraggio e tenacia la loro indipendenza interiore, valori netti e semplici, sentimenti forti ed esclusivi, che le renderanno capaci di affrontare le innumerevoli peripezie della vita, senza mai perdersi d’animo. Il lettore avrà la sensazione di trovarsi tra le viuzze assolate dei paesini di montagna della Sicilia, con i gli odori, sapori e colori di un tempo e odierni, tenendo fra le mani un romanzo intenso, costruito attorno alla figura femminile, in grado di essere sempre se stessa nonostante l’ostilità del mondo, un romanzo incentrato sull’importanza dell’autonomia e del libero arbitrio delle donne, un romanzo che fotografa l’importanza del legame familiare e dei bisogni d’amore, un romanzo che consola, infonde speranza e gioia di riconferma, un romanzo che sprona a mordere la vita con audacia. Come sempre il mio augurio a tutti voi di buona lettura ♥ Un bacio grande 😘

Sonia Dado

CATENA FIORELLO GALEANO

Catena Fiorello è una scrittrice siciliana. Per Rizzoli sono usciti con successo Casca il mondo, casca la terra nel 2011, Dacci oggi il nostro pane quotidiano nel 2013 e Un padre è un padre nel 2014. L’ultimo suo romanzo, L’amore a due passi (Giunti 2016), è entrato nella TOP TEN delle classifiche. Picciridda viene ripubblicato da Giunti in una versione completamente rivista dall’autrice. E il viaggio continua…

E’ possibile acquistarlo su https://www.giunti.it/catalogo/cinque-donne-e-un-arancino-9788809894976

E in tutte le librerie fisiche e on-line.

Amazon https://www.amazon.it/Libri-Catena-Fiorello/s?rh=n%3A411663031%2Cp_27%3ACatena+Fiorello

Ibs https://www.ibs.it/libri/autori/catena-fiorello

Feltrinelli https://www.lafeltrinelli.it/libri/catena-fiorello/870351

Mondadori https://www.mondadoristore.it/libri/Catena-Fiorello/aut00162522/

Precedente GIUSEPPE VALLERINI – “IL VENTO E IL SUO CAMPIONE. LA FAVOLA DI WILLIAM WALSH: OVVERO COME SI DIVENTA CIO' CHE SI E'” Successivo ALESSANDRA DE ANGELIS – “MAGICHE METAMORFOSI”