ALESSANDRA DE ANGELIS – “MAGICHE METAMORFOSI”

Buona sera e buona domenica carissimi lettori 😍 come state? ♥️ Osservando la copertina del romanzo che sto per proporvi il mio pensiero vola verso “Le Metamorfosi” di Ovidio che si presentano come un’opera raffinata e colta, che attinge ad una sterminata cultura mitologica e letteraria, dove l’argomento dell’opera è mitologico, nel testo vengono narrate oltre duecentocinquanta miti e leggende incentrati sulla metamorfosi di personaggi in animali o elementi naturali e dove l’ordine scelto da Ovidio è cronologico: si va dall’origine dell’universo e dal caos primigenio fino all’apoteosi di Cesare e alla glorificazione di Ottaviano Augusto. Ma mi soffermo a pensare anche a “La metamorfosi” di Franz Kafka, interpretata come un’allegoria sull’alienazione dell’uomo moderno all’interno della famiglia e della società, che si traduce nell’isolamento del “diverso” e nell’incomunicabilità con i propri simili, un ottimo esempio della visione del mondo di Kafka, in cui il destino dell’esistenza individuale è in mano a forze oscure e inconoscibili, che operano in maniera assurda e imperscrutabile sulla vita degli uomini. A questo punto la domanda nasce spontanea, Alessandra De Angelis nel suo romanzo “Magiche metamorfosi”, 📚 colgo l’occasione per ringraziarla per la copia omaggio conferitami ♥️ cosa vuole comunicare al lettore? Perché ha scelto questo titolo per il suo romanzo? Immagino che vi state ponendo la stessa domanda, siete curiosi di scoprire il perché? 😍

.
.
.
“Sosteneva che quella che secondo molti sarebbe la fine di tutto, altro non è che il passaggio a una cosa più bella, la liberazione della farfalla dal suo bozzolo… Credo nella legge della natura e nell’equilibrio perfetto che la governa, di conseguenza potrei dirti che tutto si trasforma e nulla muore definitivamente. Essendo l’uomo parte della natura, quando il suo involucro non è più appropriato a causa della vecchiaia o di una malattia oppure nel caso in cui venga distrutto da un evento esterno come un incidente, anch’egli libera il suo spirito divino, che Gustavo Rol chiamava “spirito intelligente”. In altre parole, con la morte l’uomo trasforma la materia del suo corpo in energia, suono, musica, per tornare al divino”.

.
.
📒 “Magiche metamorfosi” è il primo romanzo di Alessandra De Angelis concretizzato in seguito al bisogno di una madre di far riaffiorare i ricordi su una persona molto cara e l’esigenza di una figlia nel voler rispettare una dolce promessa, ovvero parlare di una lunga e luminosa scia, Stella, ossia Giovanna, la protagonista assoluta del romanzo, che possedeva il dono della scintillanza, poiché diffondeva intorno a sé solo buoni sentimenti, legami profondi, amicizia ed amore infinito. Spesso la nostra attenzione viene magnetizzata dall’unica cosa realmente importante, come fare a sopravvivere alla morte delle persone care, che abbiamo amato, con le quali abbiamo trascorso momenti indimenticabili, trovando rifugio nei racconti, nei ricordi e nei pensieri per rielaborare un lutto, seguendo le tracce con una paradossale fedeltà.

Alessandra De Angelis è un’esploratrice curiosa, intenta a ripercorrere il labirinto dei ricordi, a scovare quel punto d’origine, dove è collocata la fonte stessa del suo romanzo, la notizia della morte della sorella e l’improvviso corrispondere del turbamento del mondo intero, del suo farsi appannato, del suo perdere consistenza, della realtà che si trasforma in una gigantesca confusione, una macchia bianca o nera, accecante, dove a predominare è il dolore. Il fenomenale romanzo di Alessandra De Angelis, non è una biografia sulla sorella scomparsa, ma un percorso sui giorni, sui mesi e sugli anni che seguono alla morte della sorella, l’autrice ricostruisce, capitolo dopo capitolo, l’energia vitale della sorella, la sua importanza all’interno della famiglia, la sua straordinaria bontà verso gli altri, la sua idea di amore incondizionato e la riconoscenza alla bellezza della vita, una prova di resistenza, non facile, quella dell’autrice, affrontare le spire dell’infelicità e del dolore, attraverso un’analisi attenta e determinata, una scelta, che la fa sentire irragionevolmente più vicina alla sorella. Il tentativo di stabilire una relazione con la sorella diventa il focus del romanzo, l’ambizione di custodire il legame profondo con la sorella si trasforma nel giusto dimensionamento, il mondo che era sparito ritorna al suo posto, lasciando spazio ad una sensazione di misteriosa quiete. Ci sono regole banali che la vita sociale ci chiede di rispettare: sopravvivere al dolore, non cedere all’incanto del dolore, raggiungere una provvisoria riconciliazione con la mancanza di una persona cara, ma tutto ciò è una semplice guarigione, oppure si è sempre immersi nel vortice del dolore? Il romanzo spiazza il lettore, sviluppa l’elaborazione del lutto con la consapevolezza di essere sporti sull’abisso e sulla vertigine del provare sentimenti, che nemmeno si immagina di poter provare, la vicinanza nell’accompagnare il ricordo sempre vivo della sorella lascia al lettore una percezione di inquieta allegria, il raccontare la perdita di una persona amata si presenta come un dono grandioso, una riflessione sulla possibilità di essere fragili e sul consentire di tenere con noi, ciò che di più prezioso dell’esistenza esiste, il ricordo.

Quello di Alessandra De Angelis è un vero capolavoro, un romanzo che affronta un elemento essenziale per la definizione della stessa vita, la morte, un incontro traumatico, difficile da approcciare, da affrontare e da superare, sia per chi lo vive in prima persona, che per chi lo vive nei confronti delle persone care, un rapporto che alterna riconoscimento e negazione, per quanto la morte sia tutto attorno a noi, quando incombe o sopraggiunge nella nostra vita è facile sentirsi impreparati, la morte è un momento di enorme valore psicologico, emotivo, spirituale, un momento di passaggio, i libri possono aiutare a comprendere, a prepararsi e a sentirsi meglio, proprio come il mirabile romanzo di Alessandra De Angelis “Magiche metamorfosi”, l’esperienza dell’autrice è alla base di questo romanzo, uno spunto di riflessione per tutti, laici e credenti, su un tema difficile e profondo, un messaggio da parte dell’autrice nell’affrontare con serenità e compassione verso il prossimo. Come sempre il mio augurio a tutti voi di buona lettura ♥ Un bacio grande 😘

Sonia Dado

ALESSANDRA DE ANGELIS

Alessandra De Angelis è nata il 1 luglio 1972 a San Benedetto del Tronto e vive ad Offida, in provincia di Ascoli Piceno. Da sempre fervente appassionata di letteratura, lavora presso una casa editrice. Magiche metamorfosi, pubblicato da Capponi Editore (2017), è il suo primo romanzo.

E’ possibile acquistarlo su https://www.capponieditore.it/autori/alessandra-de-angelis

E in tutte le librerie fisiche e on-line.

Amazon https://www.amazon.it/Magiche-metamorfosi-Alessandra-Angelis/dp/8897066712

Ibs https://www.ibs.it/magiche-metamorfosi-libro-alessandra-de-angelis/e/9788897066712

Feltrinelli https://www.lafeltrinelli.it/libri/alessandra-de-angelis/magiche-metamorfosi/9788897066712

Mondadori https://www.mondadoristore.it/libri/Alessandra-De-Angelis/aut04321447/

Precedente CATENA FIORELLO GALEANO – “CINQUE DONNE E UN ARANCINO’”